Archivi categoria: Tecnica

La biomeccanica del dritto di Rafael Nadal

  Dritto reverse di Nadal – carico e scarico dinamico sull’arto inferiore sinistro

Uno dei fondamentali, giudicato da molti esperti, il migliore della storia del tennis per la rotazione devastante impressa alla palla e per l’efficacia prodotta dal topspin, è il dritto di Rafael Nadal, colpo con il quale il campione di Manacor ha sempre messo in serie difficoltà i suoi avversari.
Nadal, grazie ad una biomeccanica molto complessa del busto, delle gambe e del braccio sinistro adottata in fase di preparazione del colpo e nel momento dell’impatto, è capace di imprimere una velocità pazzesca alla palla e, allo stesso tempo, godere di una rotazione incredibile che molto spesso raggiunge e supera i 4900 giri al minuto.
Ogni volta che gioca il dritto sia in situazioni offensive che difensive, Nadal disegna traiettorie in topspin molto accentuate e la palla, dopo aver rimbalzato, schizza via rapidamente costringendo l’avversario a rispondere lontano dalla riga di fondo campo e a rigiocarla in topspin o in recupero “choppato”. I dritti arrotati dello spagnolo possono anche essere anticipati in fase ascensionale, cioè quando la palla non raggiunge ancora la massima altezza ma solo nei casi in cui i colpi di Nadal sono più corti perchè, qualora risultino profondi, rispondere vorrebbe dire giocare in controbalzo e giocare in controbalzo sulle rotazioni di Nadal è molto complicato.
Tennisti come Federer, Djokovic e Berdych adottano spesso una tattica aggressiva quando giocano contro Nadal cercando di colpire la palla in fase ascensionale in modo da impedire al campione iberico di sfruttare al meglio le rotazioni e di mirare agli angoli estremi del campo. E’ una delle poche se non l’unica strategia efficace per contrastare il gioco dello spagnolo.

La tecnica e la biomeccanica del dritto di Nadal sono state attentamente ed accuratamente analizzate da Raffaele Tataranni, tecnico nazionale della Federazione Italiana Tennis, specializzato nella videoanalisi dei giocatori di tutti i livelli. Tataranni, nello studiare ogni minimo particolare del dritto del campione iberico, ha riscontrato come Nadal tenda ad esasperare il movimento di esecuzione del colpo da un punto di vista biomeccanico e compia un notevole dispendio di energie a causa dell’ampia escursione del braccio. Inoltre Tataranni ha sottolineato che la tecnica del cosiddetto “reverse forehand” (dritto reverse), acquisita e praticata da Nadal, è sconsigliata nell’apprendimento del diritto nelle scuole tennis, non solo perchè è molto complessa da imparare, ma anche perchè può rivelarsi particolarmente nociva per i tendini e le articolazioni delle ginocchia. Non è un caso, infatti, che Nadal abbia sofferto e tutt’ora soffra di problemi non indifferenti ai tendini e alle articolazioni delle ginocchia. La sindrome di Hoffa contratta dal giocatore di Manacor nel 2013 potrebbe derivare dallo sforzo prolungato e dalle continue sollecitazioni degli arti inferiori, proprio perchè Nadal, durante l’esecuzione del dritto, fa leva sul ginocchio sinistro (vedi video dartfish.tv).

Qui di seguito, è riportata la videoanalisi effettuata da Raffaele Tataranni sulle diverse fasi di esecuzione del dritto da parte di Nadal, con particolare attenzione al lavoro compiuto dal braccio sinistro, dal tronco e dagli arti inferiori.
http://www.dartfish.tv/Player.aspx?CR=p98473c79255m2249484

Federico Bazan © produzione riservata

No es el tipo de agarre que decreta el golpe sino la correcta antelación y el impacto ideal en la pelota

Derecha de Kvitova – semi western grip. Sus golpes son completamente planos gracias a una antelación y a un impacto impecables.

Cada tenista tiene diferentes configuración y tipo de juego. Por eso, la técnica de preparación de los golpes varia de jugador en jugador y las trayectorias que la pelota puede tomar son una multitud.
La distancia entre el cuerpo y la pelota, el impacto y la función de las piernas son los principales factores que determinan un golpe optimal. La solución es débil y vulnerable todas las veces que el jugador encuentre a la pelota demasiado lejano del brazo o cada vez el peso del cuerpo es desequilibrado hacia atrás; de lo contrario, si el jugador tiene una posición correcta de los pies, adopta una apropiada flexión de las piernas antes de golpear la pelota y toma la delantera anticipando los movimientos del adversario, el tiro será seguramente más profundo, eficazdifícil de manejar para el adversario.

Derecha de Roddick – western grip. El tenista yankee jugò con una excelente combinación de rotación y de empuje en la pelota.

Jugando con un agarre abierto como la semi western o la western grip esto no implica necesariamente que el golpe serà cargado de efecto. De la misma manera, si el agarre es más cerrado, el golpe podría tomar una trayectoria plana así como un topspin porque es el impacto a una determinada altura del rebote que produce lo que el jugador intenta hacer. La pelota, en efecto, puede ser golpeada en fase ascensional o cuando descende; en otras palabras, en avance o esperándola.

Con respecto al golpe de derecha, hay diferentes ejemplos que explican esta teoría.
Consideremos la derecha de Tomas Berdych: el checo juega con una empuñadura semi western. Teóricamente este agarre da la posibilidad de empujar bien hacia adelante y, al mismo tiempo, disfrutar de una buena rotación de la pelota. En realidad, los tiros de Berdych son completamente planos porque el checo tiene un movimiento fluido de la raqueta en el momento de la preparación, perfectamente horizontal durante el impacto y su avance en la pelota es prácticamente impecable.

Derecha de Federer – eastern grip. El campeón suizo juega todos los tipos de golpes gracias a su naturaleza y precisión en la ejecución.

Ernests Gulbis utiliza un agarre western que produce más rotación y menos velocidad. En efecto, el latvio es capaz de jugar cargado de efecto sino también profundo y penetrante. Gulbis es un jugador muy sólido y, cada vez prepare su apertura anómala con la derecha, confiere un efecto notable a la pelota.
Rafa Nadal, que es el máximo exponente del topspin, no utiliza una full western (agarre completamente rodado) o una western, al contrario de lo que la mayoría de la gente cree.
El mallorquín juega con la semi western (el mismo agarre moderno de Berdych, Del Potro, Safin, Sharapova, Ivanovic, Kvitova y muchos otros jugadores profesionales que juegan prevalentemente plano y tenso gracias a un movimiento horizontal perfecto de la raqueta y a un correcto “timing”). Aunque la mayoría de los jugadores que prefieren a una semi western grip juega plano, tenistas como Nadal y Verdasco producen una rotación increíble porque tienen una biomecánica particular de las piernas, del brazo izquierdo y del cuerpo antes del impacto.
Andy Roddick, Kei Nishikori y Ivo Karlovic, por ejemplo, que se valen de una western para jugar el topspin, aunque utilizen un agarre más exasperado en comparación a tenistas como Nadal y Verdasco que juegan con una semi western, producen una rotación menos acentuada de la pelota con respecto de los campeones españoles.
Fernando González gozaba de uno de los mejores golpes de derecha en la historia del tenis. Su semi western le dio la combinación ideal de velocidad y topspin. Por esta razón fue llamado Mano de Piedra” por sus amigos y colegas del circuito profesional.
Roger Federer representa sin la s ligera duda el jugador profesional s completo y versátil. Ecampeón suizo es capaz de reproducir todos los tipos de golpes que quiere jugar con un agarre bastante cerrado como la eastern grip: golpes sin giro, topspin, trayectorias largas, cortas, planas, etc
La lista de los tenistas podría continuar aunque, en todo caso, la correcta antelación y el impacto ideal, la posición de los pies antes de la ejecución y la flexión de las piernas son los factores técnicos y biomecánicos que influyen considerablemente en la eficacia del golpe pasando por alto del grip con el cual se juega.

Federico Bazan © produzione riservata

It’s not the grip that decrees the hit but the correct advance and impact on the ball

Ana Ivanovic – forehand semi western grip. Look at the good impact and the right position of the string pattern before the hit.

Each tennis player has his own game settings. These settings may be different considerably and it implies that the trajectories of the ball are not always the same.
The distance between the body and the ball, the impact and the role of the legs are the main factors that decree the shot. If the player hits the ball when he is too far from it or his body weight goes backwards, the shot will be weak and vulnerable; otherwise, if the player hits the ball finding the right position of the feet and the optimal knee bend, the shot will be deeper and more effective.
Playing with an opened hold as a semi western or a western grip doesn’t imply that the shot will be necessarily full of spin. Similarly, if the grip is more closed, the hit could take a rotational trajectory.
With regard to the forehand, there are many examples that explain this theory.

Tomas Berdych – forehand semi western grip. He plays flat and penetrating thanks to a great advance on the ball.

Let’s consider Tomas Berdych’s forehand: the Czech has a semi western grip. This grip gives him the possibility to push well forward and simultaneously to take advantage of a good rotation of the ball. Berdych’s shots are completely flat because his impact is considerable and the advance on the ball is flawless.
Ernests Gulbis uses a western grip that theoretically produces more spin and less speed. Instead the Latvian is able to play really fast and penetrating. He’s a really good player from the base line and every time he prepares a huge backswing he can load up the ball with a marked rotation.
Rafa Nadal, who is the greatest exponent of topspin, doesn’t use a full western (grip fully 
turned) or a western, to the contrary of what most of the people think. The Spanish plays with a semi western on the forehand (the same modern grip of Berdych, Del Potro, Safin, Sharapova, Ivanovic, Kvitova and many others who play prevalently flat thanks to a perfect horizontal movement of the string pattern before the impact). Despite this, Nadal produces an incredible spin because he has a very elaborate biomechanics of the legs, the left arm and the body.

           Rafael Nadal, one of the best exponent of topspin in tennis history.

David Ferrer and Andy Roddick, for example, who prefer a western and play topspin, though they use a more exasperated grip than players such as Nadal and Verdasco, they produce a less pronounced spin on the ball.
Fernando Gonzalez hit one of the best forehands ever in tennis. His semi western grip gave him an ideal combination of impact and topspin. For this reason he was called “Stone Hand” by his friends and tennis colleagues.
Roger Federer mainly uses an eastern (classic grip). He is able to play every kind of hit he wants: shots without spin, top spin, long, short, flat hits etc.
The players list could continue but, anyway, the correct advance and impact on the ball, the position of the feet before the backswing and the knee bend are more important than the grip used by the player during the knock-up.

Federico Bazan © all rights reserved

Non è il tipo di impugnatura a decretare il colpo ma il corretto anticipo ed impatto sulla palla

                                            Roger Federer – eastern grip

Partendo dal presupposto che non esistono giocatori uguali e che la traiettoria di palla di ognuno è diversa seppur con poche apparenti differenze, anche Federer e Dimitrov, sebbene considerati uno il clone dell’altro, sono giocatori diversi tra loro.

Nel tennis, se si ha un’impugnatura aperta, non è detto che il colpo giocato abbia sempre rotazione o, se più chiusa, se ne produca sempre uno piatto. Questo perchè sono l’anticipo sulla palla, la distanza del corpo dalla palla, l’impatto e soprattutto la funzione delle gambe a decretare un buon colpo. Se si colpisce la palla con il peso del corpo all’indietro, a prescindere da quale impugnatura si abbia, non si può pensare di tirare piatto e teso; allo stesso modo, qualora si colpisca la palla sopra all’anca se non addirittura sopra la spalla, è più probabile che esca fuori un colpo carico di spin anzichè una traiettoria tendenzialmente orizzontale. Per quel che concerne il dritto, molteplici sono gli esempi che dimostrano quanto appena affermato.

               Grigor Dimitrov – semi western grip

Prendiamo Tomas Berdych; il ceco ha una semi-western grip sul diritto, ovvero un’impugnatura che consente di spingere bene in avanti ed usufruire, al tempo stesso, di una buona rotazione. In realtà, il dritto di Berdych è prevalentemente piatto, con pochissima rotazione, in quanto egli stesso dotato di un notevole anticipo ed impatto sulla palla;
Ernests Gulbis ha una western che, in linea teorica, produce colpi arrotati e con meno spinta. Il lettone, invece, grazie ad una funzione dominante dell’arto superiore sinistro e di un piegamento piuttosto accentuato del tronco, riesce ad imprimere molta potenza al suo colpo oltre che ad ottenere una buona rotazione di palla.

Ernests Gulbis – western grip (notare l’apertura, il piegamento del tronco e la funzione di sostegno del braccio sinistro)

Lo stesso Nadal che è il maestro per eccellenza del top spin, non utilizza una full western (impugnatura completamente aperta) o una western, come in molti credono, bensì una semi-western grip (la stessa di Berdych, il quale gioca piatto). Nonostante questo, Nadal produce rotazioni devastanti grazie ad una tecnica biomeccanica molto complessa delle gambe, del braccio e del tronco. David Ferrer, che usa una western sul diritto, gioca piuttosto arrotato e, nonostante abbia un’impugnatura più aperta rispetto a Nadal, esegue un top spin molto meno accentuato del maiorchino.
L’esempio più calzante è senz’altro Roger Federer, che sfrutta la eastern (impugnatura piuttosto chiusa) con la quale è in grado di produrre qualsiasi colpo che sia piatto o più arrotato, merito di una naturalezza e di una precisione biomeccanica fuori dal comune.
Si potrebbe continuare l’elenco citando tanti altri giocatori ma, in ogni caso, la traiettoria e l’efficacia dei colpi non la rendono tanto le impugnature, quanto la funzione del busto, delle braccia e delle gambe.

Federico Bazan © produzione riservata

Nuove videoanalisi a cura di Raffaele Tataranni

                     Raffaele Tataranni all’opera con la sua videocamera

Raffaele Tataranni, tecnico nazionale della Federazione Italiana Tennis, sta arricchendo sempre di più la sua pagina Facebook, interamente dedicata alla videoanalisi dei giocatori e dei grandi campioni. Il maestro, avvalendosi di appositi strumenti di ultima generazione, è in grado di evidenziare, analizzare e discutere nel dettaglio tutti i pregi e, in particolar modo, i difetti del giocatore preso in esame con lo scopo di correggerlo e perfezionarlo sia a livello tecnico e biomeccanico, sia a livello estetico. L’iniziativa di Raffaele Tataranni rappresenta una chiave di volta nel tennis moderno e delle generazioni a venire perchè la videoanalisi è finalizzata ad un importante sviluppo e consolidamento delle nozioni e degli insegnamenti del maestro ed è volta a spronare e a coinvolgere tecnicamente ed emotivamente il giocatore preso in esame. Solo grazie alla videoanalisi, si possono ottenere risultati aggiuntivi che vanno ad incidere positivamente sulla tecnica, i processi coordinativi e motori, lo stile di gioco ed infine l’aspetto squisitamente estetico dell’allievo o del giocatore interessato.

Raffaele Tataranni è un maestro a 360 gradi perchè si occupa di allenare sul campo i propri allievi attraverso un programma consistente ed utile ai fini dell’apprendimento, del miglioramento e della pratica del tennis. Il programma include:

  • la spiegazione e l’esercitazione dei colpi base: diritto, rovescio e servizio;
  • il palleggio da metà e fondo campo (esercizio di regolarità ed eventualmente di profondità di palla con l’inserimento di appositi coni);
  • i cesti con la riproduzione dei colpi base;
  • la spiegazione e l’esercitazione dei colpi avanzati: volèe, smash, slice ecc ;
  • i cesti con la riproduzione dei colpi avanzati;
  • schemi tattici da applicare in partita (ad esempio il serve & volley, il diritto a sventaglio ecc.) ;
  • e naturalmente… un po’ di punti o partite tra gli allievi.

Inoltre, l’utilizzo ed il supporto delle videoanalisi contribuisce notevolmente al miglioramento ed alla crescita tecnica del giocatore.
Ecco alcune delle nuove videoanalisi del maestro Tataranni:

Federico Bazan © produzione riservata

Le video analisi preparate dal tecnico nazionale Raffaele Tataranni

Raffaele Tataranni, tecnico nazionale della Federazione Italiana Tennis, si occupa di allenare e curare la tecnica, la tattica e le fasi motorie dei propri allievi e giocatori. Le video analisi, svolte con appositi strumenti di ultima generazione, rappresentano una chiave di volta nel tennis moderno in quanto individuano possibili esecuzioni biomeccaniche errate ed imperfezioni tecniche che ad occhio nudo sarebbero impossibili da evidenziare e discutere nel dettaglio.
Il maestro Tataranni cura con particolare attenzione i processi motori e coordinativi di ogni giocatore, ossia: la fase di attesa facendo particolare attenzione allo split step (il saltello che consente di trovare i giusti appoggi prima di preparare il movimento di esecuzione); la unit turn (fase di apertura della racchetta che si esegue girando il busto e le gambe per attuare la giusta coordinazione e ricerca sulla palla); l’impatto sulla palla che deve avvenire con il peso del corpo in avanti allo scopo di imprimere la giusta energia e la corretta velocità (fase di impatto); infine la chiusura del colpo che può avvenire sotto la spalla se si vuole tirare un colpo piatto o sopra la spalla se si vuole ottenere un colpo arrotato (fase finale).
Tataranni, grazie al montaggio delle video analisi, è in grado di correggere tutte le possibili lacune ed imperfezioni del proprio allievo; può naturalmente considerare i miglioramenti e gli aspetti positivi del giocatore preso in esame che può essere analizzato singolarmente o può essere confrontato con i grandi campioni allo scopo di trarne i migliori benefici.

14 giugno 2013 17.04

20 giugno 2013 17.37

5 luglio 2013 17.02

5 luglio 2013 17.51

22 agosto 2013 9.11

Federico Bazan © produzione riservata