Capitolo sulle impugnature: le caratteristiche della western e della semi-western

                         Western grip

Giocare il dritto con un’impugnatura molto aperta come la “western grip” (palmo della mano sotto il manico della racchetta e dita sulla parte superiore del manico) ha alcuni vantaggi ma altrettanti svantaggi.

I buoni motivi per cui giocare con una western sono:

– la massima altezza della palla al momento del rimbalzo. Se la palla si trova sopra l’anca o sopra la spalla del giocatore e l’impugnatura adottata da questi è una western, egli potrà giocare un colpo abbastanza alto sopra la rete e anche profondo;

– la rotazione in top. La presa western è l’ideale per chi predilige un gioco regolare e per coloro che amano arrotare la palla. Infatti, afferrando la racchetta con il palmo della mano esattamente sotto il manico, il movimento che si compie, prima di colpire la palla, è dal basso verso l’alto (la spazzolata in top).

Non è un caso che la western sul dritto sia stata ed è, tutt’ora, l’impugnatura per eccellenza dei tennisti spagnoli, che per tradizione, risultano i più ostici sulla terra battuta grazie alla grande regolarità e al palleggio serrato in top spin da fondo campo. Tra questi, Sergi Bruguera, Alberto Berasategui, Carlos Costa ai più recenti Tommy Robredo, David Ferrer e Marcel Granollers. Spagnoli che, nonostante la grande resa sul rosso nel corso degli anni, non hanno mai ottenuto risultati particolarmente esaltanti sulle altre superfici, proprio per il tipo di gioco che prediligono nelle corde (ad eccezione solo di Rafael Nadal e David Ferrer che si sono comportati egregiamente anche su erba, cemento e sintetico).

Un’impugnatura così estrema può essere, tuttavia, la causa di complicazioni non indifferenti, soprattutto a livelli di gioco relativamente bassi.
La western sul dritto pecca di più in termini di velocità rispetto ad un’impugnatura meno esasperata come la semi-western. Questo perchè la presa estrema comporta, di per sè, un’escursione innaturale del braccio che limita fortemente la spinta in avanti.
Il giocatore che la utilizza, se vuole accelerare ed essere incisivo, deve compensare il movimento dell’avambraccio con una rotazione più o meno accentuata del tronco (vedi il diritto di Djokovic).

La western grip è inoltre particolarmente sconsigliata per le palle che rimbalzano basse. Le palle basse necessitano di un cambio di grip; l’impugnatura western su palle che rasentano il terreno è complicata in quanto non si ha, né una spinta sufficiente per far camminare la palla, né la flessibilità ideale del polso per tirarla su.

Novak Djokovic gioca con un’impugnatura estrema sul dritto. Potete osservare la particolarità del movimento compiuto dal braccio con un’impugnatura come la western.

La western, a livelli elementari di gioco, è un’impugnatura che limita il principiante in quanto, qualora egli impari a colpire la palla in quel modo, è molto difficile che possa in futuro passare ad una semi-western o, addirittura, ad una eastern poiché, nella prima impugnatura sopra citata, il braccio rimane bloccato per far ruotare l’avambraccio; nella semi-western o nella eastern, invece, la biomeccanica del colpo è completamente diversa.
Nella semi-western, contrariamente alla western, è tutto il braccio che accompagna il movimento verso la palla. Ed è per questo, che, nel tennis attuale, l’impugnatura più indicata per coloro che iniziano a giocare, è la semi occidentale.

semi-western

                        Semi – Western grip

La semi-western, a qualsiasi livello, è l’ideale per gli attaccanti da fondo campo che giocano in top e che vogliono accelerare, non appena possibile.
Nel panorama del tennis odierno, è quella più utilizzata per il tipo di gioco offensivo. Sharapova, Ivanovic, Safarova, Kvitova, Del Potro, Berdych, Raonic sono tra gli esponenti più celebri che portano la firma “semi-western” sul dritto. 

 

La western, al contrario, è l’impugnatura più consona al tipo di gioco difensivo. I più grandi ribattitori del circuito ATP come Djokovic, Murray e Hewitt, prediligono il grip occidentale che consente loro di effettuare recuperi straordinari ma anche di godere di ottime parabole in top spin.
La western, quindi, non è un’impugnatura inadeguata, anche perchè nei circuiti ATP e WTA è largamente diffusa; per trovare, però, una grande accelerazione con questo tipo di grip, è necessario imparare a compensare la spinta in avanti con tutto il corpo, non solo con il piegamento delle gambe e il braccio di riferimento.

Federico Bazan © produzione riservata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...