Filip Krajinovic vince l’ATP Challenger del Due Ponti Sporting Club

Filip Krajinovic trofeoIl Due Ponti Sporting Club ha dato il via alla terza edizione del BFD Challenger, torneo con un montepremi di 43 mila euro, che ha ospitato professionisti ATP di alto livello, in buona parte italiani e spagnoli, tra cui anche due ex top ten: Tommy Robredo (ex numero 5 del mondo) e Nicolas Almagro (ex numero 9 ATP).
Questa edizione del torneo, malgrado le previsioni pendessero dalla parte dei tennisti iberici, ha visto imporsi il talento serbo Filip Krajinovic, che, dopo la conquista del trofeo, da numero 105, è rientrato nei primi 100 del mondo. Krajinovic, compagno di squadra di Coppa Davis di Novak Djokovic, vanta non a caso un best ranking di 87, sebbene potenzialmente valga qualcosa in più. Questo valore aggiunto del giocatore serbo lo si può constatare in virtù di una serie di vittorie nei Challenger, contro giocatori che sono stati in passato top 50: tra questi, Lukas Rosol, Guido Pella, Guillermo Garcia-Lopez e Daniel Gimeno-Traver, ex 48 del mondo, battuto proprio dal tennista di Sombor nell’atto conclusivo del torneo del Due Ponti, in una finale dove si è vista la differenza di rendimento tra i due giocatori. Krajinovic, in piena fiducia, ha concesso pochissimo al suo avversario, mentre Gimeno-Traver, in fase di ripresa dopo un periodo di infortuni debilitanti, ha giocato il suo tennis cercando di premere da fondo campo ma, rispetto al serbo, incappando più spesso in errori non forzati.

Filip Krajinovic

Dal punto di vista tecnico, Krajinovic è un giocatore solido che ha probabilmente nel dritto il suo fondamentale migliore, colpo con cui si procura il punto con più facilità.
Provenendo dall’accademia americana di Nick Bollettieri e avendo imparato a giocare sul veloce, il gioco di Krajinovic non prevede rotazioni esasperate come, al contrario, per esempio, la scuola spagnola. Malgrado questo, i risultati migliori che ha ottenuto a livello Challenger sono sulla terra battuta, a dimostrazione che si adatta bene anche a condizioni di gioco diverse dalle sue superfici abituali.
La caratteristica peculiare del serbo è la capacità di alternare una buona difesa da fondo campo, spostandosi lateralmente e arrivando ottimamente sulla palla, a costruzioni del punto volte a trovare il vincente. Un giocatore dunque intelligente tatticamente che, se in continua ascesa, potrà rappresentare una mina vagante nei tornei ATP e un cliente non semplicissimo da affrontare anche per i top players.

Federico Bazan © produzione riservata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...