Archivi categoria: Giocatrici

I pregi tecnici e i limiti di Camila Giorgi

                                                                   Dritto della Giorgi – Semi western grip

Camila Giorgi, tennista marchigiana classe ’91, è dotata di un tennis istintivo ed aggressivo, caratteristiche che le consentono di far uscire dal piatto corde palle tese e penetranti. Camila è capace di chiudere un punto tirando subito il vincente, il che tuttavia non esclude che la Giorgi sia sfavorita sugli scambi prolungati; la marchigiana, infatti, non rinuncia mai a fare braccio di ferro con le proprie avversarie pur di portare a casa il punto.
Ha un tipo di gioco che si adatta specialmente alle superfici rapide essendo molto veloce e prevalentemente piatto sebbene non disdegni la terra battuta.

                                       Rovescio della Giorgi – Presa bimane

Tecnicamente il tennis di Camila è monotematico e conosce pochissime se non inesistenti variazioni: servizio, dritto e rovescio sono giocati sempre allo stesso modo e forse è proprio questa la sua grande forza. Quando arriva nel suo territorio una palla morbida, senza peso o in top spin, ci si appoggia meravigliosamente lasciando partire dalle corde traiettorie imprendibili per le sue colleghe del circuito.
Se da un lato Camila è in grado di giocare ad altissima intensità su tutte le palle, che siano in top, piatte, in back o corte, dall’altro soffre molto la percentuale di errore che aumenta in proporzione alla foga e alla voglia di attaccare.
Il suo grande limite è la difesa; Camila, qualora sia chiamata a remare da fondo campo, fa non poca fatica a trovare i giusti colpi in quanto il suo gioco è basato essenzialmente sulla spinta a tutto braccio che le fa trascurare completamente altri tipi di soluzione come il back o una palla un po’ più carica di spin volta a variare il ritmo durante il palleggio.
Mentalmente la Giorgi è dotata di una spiccata forza di volontà oltre che di un’ottima prestanza atletica, pregi che le hanno regalato vittorie importanti contro giocatrici del calibro di Maria Sharapova e Victoria Azarenka ma al tempo stesso sconfitte del tutto inaspettate contro tenniste non irresistibili a causa di una foga di vincere i match fuori dall’ordinario. Per quel che concerne i risultati, per il momento Camila ha raggiunto una sola finale nel circuito Wta nel torneo polacco di Katowice perdendo in rimonta dalla transalpina Alizé Cornet.
Nonostante i risultati tennistici debbano ancora farsi vedere, questa ragazza ha tutti i requisiti per imporsi in tornei su superfici a lei consone come il cemento o l’erba sulle quali si trova particolarmente a suo agio e perchè no, raggiungere l’ultimo atto di un torneo del grande Slam…

Federico Bazan © produzione riservata

I vantaggi e i pregi tecnici di Maria Sharapova

                                Il rovescio in corsa della Sharapova

Il gioco di Maria Sharapova è costituito da quattro fondamentali: servizio, dritto, rovescio e schiaffo al volo. Seppur basato sempre e solo su questi colpi, il tennis di Maria Sharapova racchiude delle strategie tecnico-tattiche molto complesse nel loro insieme. Uno dei vantaggi della siberiana è senz’altro dato dall’altezza (1.88 cm) che le consente di piazzare colpi profondi agli angoli del campo, spesso imprendibili per le avversarie. Altri vantaggi sono la fluidità negli spostamenti laterali che le permettono di recuperare e di giocare bene sia in fase difensiva sia in quella offensiva e l’eccellente impatto sulla palla che determina traiettorie di palla tese e veloci.
Per quanto riguarda i pregi, la Sharapova ha la grande capacità di spingere la palla con il rovescio a velocità pazzesca anche in situazioni difensive, ogniqualvolta è lontana da essa o anche quando le braccia sono molto distanti dal corpo (vedi foto a destra). Nella stragrande maggioranza dei casi, per quanto concerne i giocatori e le giocatrici che hanno il rovescio bimane, più si è distanti con le braccia dal corpo e più il colpo prodotto sarà debole, inefficace ed attaccabile dal proprio avversario.

     Trionfo della siberiana agli Internazionali Bnl d’Italia (2012)

Maria Sharapova sfata questo mito e non è un caso che lasci partire dalle corde accelerazioni devastanti in corsa riuscendo, non di rado, a ribaltare l’inerzia degli scambi.
Il dritto è, parimenti al rovescio, un colpo molto efficace: penetrante, con molta spinta e poca rotazione. La russa, grazie alla potenza e alla precisione del proprio dritto, è in grado di costruirsi al meglio i punti e di trarre i migliori benefici nei momenti chiave dei match. Oggi, nella semifinale del Wta 1000 di Miami contro Serena Williams, la siberiana si è trovata molteplici volte sotto il punteggio di 15-40 in 2 o 3 game e, malgrado ciò, è riuscita a vincerli grazie a notevoli progressioni con il dritto.
Il servizio non è certamente il marchio di fabbrica della russa sebbene il taglio slice prodotto dalla battuta si riveli spesso una mossa vincente per aprirsi il campo e per cercare di comandare lo scambio.
Maria Sharapova è una campionessa a 360 gradi, una giocatrice che combatte con il cuore e con i nervi, una ragazza, e non una qualunque, che sa quello che vuole e che sul campo si comporta di conseguenza. I 29 titoli ottenuti in carriera (inclusi Wimbledon 2004, Us Open 2006 e Australian Open 2008) ne sono l’autentica dimostrazione.

                                                                                                                                                                                                    Federico Bazan © produzione riservata

Sara Errani e Roberta Vinci: un’accoppiata vincente

                                Il valore dell’amicizia nello sport

Le nostre tenniste azzurre Sara Errani e Roberta Vinci formano attualmente la coppia di doppio più competitiva ed affiatata in circolazione. Stabili alla prima posizione del ranking mondiale, le “Chichis” hanno trionfato nel 2012 e 2013 vincendo Roland Garros, Us Open e Australian Open ed ottenendo ben 16 titoli a livello WTA.
Errani e Vinci, essendo giocatrici tecnicamente molto diverse, si compensano alla grande: Roberta predilige il gioco a rete e più improntato all’attacco avendo un rovescio in back molto insidioso oltre ad un’eccellente sensibilità nel tocco e nelle volèe; Sara è molto solida da fondo campo e ha nella fase difensiva il suo punto di forza.
Nel doppio la compensazione tecnica dei due compagni, l’intesa e l’unione sono la chiave di volta per una buona riuscita ed è quello che le nostre giocatrici hanno in comune. Sara e Roberta si conoscono bene non solo per aver giocato in singolare e in doppio più volte, ma anche per aver vissuto insieme alle altre tenniste italiane e con il coach della Nazionale Corrado Barazzutti, la Fed Cup, il prestigioso campionato che si disputa ogni anno tra le contendenti migliori di tutti i Paesi.

                   Tennis come gioco di squadra

Le due azzurre hanno un rapporto di amicizia che le lega profondamente e questo contribuisce a generare un’accoppiata vincente sul campo. Ogni volta che giocano il doppio si parlano, si danno consigli, si incoraggiano e soprattutto sono consapevoli che senza spirito di squadra non potrebbero vincere.

Sara Errani e Roberta Vinci dimostrano, dunque, che il tennis non è uno sport interamente individuale come erroneamente si tende a pensare, ma grazie ai risultati conseguiti nel doppio e in Fed Cup, ci comunicano che in questo meraviglioso sport le emozioni sono anche quelle che si provano insieme, giocando di squadra.

Federico Bazan © produzione riservata